Mia figlia ha ormai otto mesi e da circa 2 mesi ha cominciato ad esplorare attivamente il mondo: è affascinata dalle cose colorate, dalle persone e degli oggetti che teniamo in mano noi.
Adoro il suo sguardo attento e curioso verso il mondo che la circonda e spero non perda mai questo entusiasmo  nello scoprire e conoscere nuove cose, che è da sempre alla base del sapere: non puoi apprendere se ciò che ti circonda non t’interessa.
Giocattoli per bambiniForse questa cosa vi suonerà strana, ma proprio per questa ragione abbiamo deciso di centellinare i giocattoli. Per quanto in box ce ne siano due sacchi pieni vorremmo che si abituasse a giocare con tutto e ad interagire con gli altri, più che essere contornata da tonnellate di giochi che neanche guarda.
Ovviamente quando vediamo che perde d’interesse per dei giochi li sostituiamo con casino pa natet degli altri, mantenendo anche il passo con la sua crescita ed il suo sviluppo psicomotorio. In pratica i giochi vengono utilizzati tutti, ma non tutti insieme.
Ho deciso di prendere spunto da ciò che la attrae per interagire con lei e divertirla, ad esempio: nel nostro ascensore vengono indicati i numeri dei piani su un display che s”illumina di rosso, lei lo fissa sempre e io le indico i numeri dicendo a cosa corrispondono. Non solo le piace, ma ad ogni numero emette un gorgoglio contento.
Voi cosa ne pensate? Avete dei consigli da darmi?

  • author's avatar

    By: Mirna Pacchetti

    Sono Mirna, una donna dalla doppia vita: di giorno sono consulente di marketing strategico per le start up e il rilancio delle aziende in difficoltà, ma la sera mi trasformo nella mamma di due piccole principesse. I due lavori più belli del mondo!
    In questi anni di “mammitudine” ho imparato a destraggiarmi tra pannolini e call di lavoro, ma soprattutto ho imparato a sopravvivere alle oppressioni di un sistema che penalizza le donne, soprattutto se sono mamme senza un contratto a tempo indeterminato.
    Burocrazia, INPS, Agenzie delle Entrate, IVA e le loro amiche tasse tentano da 6 anni di mettermi i bastoni tra le ruote e farmi desistere dal riuscire nei miei due intenti: essere la miglior mamma possibile e avere un lavoro che mi gratifichi anche dal punto di vista economico.
    Io e Mamma single siamo quelle che non hanno avuto la maternità, non hanno permessi retribuiti e non hanno orari oltre i quali far cadere la penna e tornare dalla propria famiglia. Essere mamma in queste condizioni è un vero salto ad ostacoli, ma sto imparando a saltare bene ed ho indossato le giuste scarpe… questa sfida la vinco io!
    Magari facendo cambiare qualche legge e facendone promulgare qualche altra! 😉

  • author's avatar

    Visit the author’s website

  • author's avatar

    Le 8 verità che nessuno ti dice sul mondo del lavoro
    Inseguire i propri sogni. Intervista a Laura Lamberti
    Viaggi low cost? Si può fare!
    Regali di Natale: dritta per le ritardatarie
    Beta tester cercasi, formazione gratuita in cambio!

    See all this author’s posts