Ieri abbiamo scritto le letterine a Babbo Natale!
E’ stato divertente e le mie bimbe hanno cominciato a respirare l’atmosfera natalizia… e da ieri tutto è legato al Natale, anche il signore con la barba bianca che passa per la strada è Babbo Natale “in incognito”! 🙂

IMG_3865Ieri mattina, subito dopo la colazione e ancora prima di lavarci e togliere il pigiama, ci siamo sedute a tavola con i pennarelli colorati, fogli bianchi e… tanta fantasia!

“Mamma: la mia lettera la scrivo io! Lo so fare!” ha esclamato la grande.
“Anche io! Anche io!” ha aggiunto la piccola.
Le ho lasciate divertire e sfogare, poi ho scritto per loro le richieste a Babbo Natale: gli acquarelli, il bicchiere con dentro i colori, i libri, Ciccio Bello Bua, il passeggino per le bambole, un triceratopo…
Ah ah ah! Il triceratopo chiesto da una bimba di due anni mi ha fatto davvero schiantare dalle risate!

IMG_3866Poi abbiamo preso due belle buste gialle, abbiamo scritto “Per Babbo Natale – Polo Nord” e abbiamo disegnato due bei francoboli.

Nel pomeriggio siamo usciti per fare una passeggiata sotto la pioggia in centro a Milano e abbiamo imbucato le lettere a Babbo Natale… che emozione!

E voi? Avete già scritto le letterine con i vostri bambini?

  • author's avatar

    By: Mirna Pacchetti

    Sono Mirna, una donna dalla doppia vita: di giorno sono consulente di marketing strategico per le start up e il rilancio delle aziende in difficoltà, ma la sera mi trasformo nella mamma di due piccole principesse. I due lavori più belli del mondo!
    In questi anni di “mammitudine” ho imparato a destraggiarmi tra pannolini e call di lavoro, ma soprattutto ho imparato a sopravvivere alle oppressioni di un sistema che penalizza le donne, soprattutto se sono mamme senza un contratto a tempo indeterminato.
    Burocrazia, INPS, Agenzie delle Entrate, IVA e le loro amiche tasse tentano da 6 anni di mettermi i bastoni tra le ruote e farmi desistere dal riuscire nei miei due intenti: essere la miglior mamma possibile e avere un lavoro che mi gratifichi anche dal punto di vista economico.
    Io e Mamma single siamo quelle che non hanno avuto la maternità, non hanno permessi retribuiti e non hanno orari oltre i quali far cadere la penna e tornare dalla propria famiglia. Essere mamma in queste condizioni è un vero salto ad ostacoli, ma sto imparando a saltare bene ed ho indossato le giuste scarpe… questa sfida la vinco io!
    Magari facendo cambiare qualche legge e facendone promulgare qualche altra! 😉

  • author's avatar

    Visit the author’s website

  • author's avatar

    Le 8 verità che nessuno ti dice sul mondo del lavoro
    Inseguire i propri sogni. Intervista a Laura Lamberti
    Viaggi low cost? Si può fare!
    Regali di Natale: dritta per le ritardatarie
    Beta tester cercasi, formazione gratuita in cambio!

    See all this author’s posts