Quest’anno siamo andati in Croazia e abbiamo fatto una partenza talmente intelligente che ci siamo ritrovati in coda per ore, impiegando diciotto ore e mezza per fare seicento chilometri, il tutto con una bimba di neanche sei mesi con noi.
In vacanza con mamma e papàDurante quel viaggio ho scoperto che i neonati si adattano con molta facilità alle situazioni, anche se ovviamente abbiamo fatto diverse soste per cambiarla, darle da mangiare e uscire dall’auto (e soprattutto dal seggiolino omologato e di conseguenza limitante nei movimenti).
Ponendo sempre le esigenze del bambino davanti al resto e’ possibile fare molti più viaggi di quanto un genitore pensi, ovviamente evitando paesi nei quali sono presenti malattie che richiedono una vaccinazione o ritmi che non rispettino le esigenze del bimbo.
Mia figlia ha dormito per quasi tutto il tempo del viaggio, durante il quale noi avevamo l’accortezza di tenere l’auto fresca, idratare costantemente la bambina, cambiarla periodicamente e portarla a fare un giretto fuori dall’auto ad ogni sosta. Ovviamente il giorno dopo eravamo tutti piuttosto stanchi, quindi ci siamo presi un giorno di relax durante il quale non siamo neanche andati al mare, questo per noi e’ stato il miglior modo per iniziare la vacanza, che per il resto del tempo è strascorsa nel migliore dei modi.
Voi dove siete andate? Com’e’ stato il vostro viaggio?

  • author's avatar

    By: Mirna Pacchetti

    Sono Mirna, una donna dalla doppia vita: di giorno sono consulente di marketing strategico per le start up e il rilancio delle aziende in difficoltà, ma la sera mi trasformo nella mamma di due piccole principesse. I due lavori più belli del mondo!
    In questi anni di “mammitudine” ho imparato a destraggiarmi tra pannolini e call di lavoro, ma soprattutto ho imparato a sopravvivere alle oppressioni di un sistema che penalizza le donne, soprattutto se sono mamme senza un contratto a tempo indeterminato.
    Burocrazia, INPS, Agenzie delle Entrate, IVA e le loro amiche tasse tentano da 6 anni di mettermi i bastoni tra le ruote e farmi desistere dal riuscire nei miei due intenti: essere la miglior mamma possibile e avere un lavoro che mi gratifichi anche dal punto di vista economico.
    Io e Mamma single siamo quelle che non hanno avuto la maternità, non hanno permessi retribuiti e non hanno orari oltre i quali far cadere la penna e tornare dalla propria famiglia. Essere mamma in queste condizioni è un vero salto ad ostacoli, ma sto imparando a saltare bene ed ho indossato le giuste scarpe… questa sfida la vinco io!
    Magari facendo cambiare qualche legge e facendone promulgare qualche altra! 😉

  • author's avatar

    Visit the author’s website

  • author's avatar

    Le 8 verità che nessuno ti dice sul mondo del lavoro
    Inseguire i propri sogni. Intervista a Laura Lamberti
    Viaggi low cost? Si può fare!
    Regali di Natale: dritta per le ritardatarie
    Beta tester cercasi, formazione gratuita in cambio!

    See all this author’s posts