Matteo è un ragazzo speciale, è il figlio che tutte noi vorremmo avere: un ragazzo acqua e sapone, che si fa in quattro per salvare la vita della sua mamma. Condividiamo con voi il suo appello, sappiamo che non resterete indifferenti!

Un figlio e la sua corsa per salvare la mamma

Un figlio e la sua corsa per salvare la mamma

“Sono Matteo Marchesi e ho diciannove anni, vivo in provincia di Varese con la mia famiglia, ma anziché pensare alla prossima maturità, io ho un pensiero fisso: salvare mia mamma affetta da MCS (Sensibilità Chimica Multipla).
Questa malattia si sta portando via mia madre Deborah; una malattia rara genetica che l’ha completamente debilitata (pesa solo 39 Kg) e necessità di assistenza continua e ossigeno, ma ha una possibilità perché lei sta meglio esiste.
Grazie all’aiuto del referente nazionale per la sua patologia, il Prof. Genovesi, è stato possibile identificare a Dallas un centro specializzato, l’ Enviromental Health Center che ha dei protocolli operativi che possono aumentare le sue aspettative di vita, per adesso molto brevi.
Per poterla portare a Dallas, occorrono molti soldi per le spese mediche, circa 200.000 euro.
Io, spinto dalla voglia di vederla sorridere e credere ancora nella sua vita, ho organizzato insieme al mio papà Federico, una raccolta fondi che ha coinvolto tantissime persone di cuore.
Ciò che mi spinge a mettermi in gioco non è solo il desiderio di vederla stare bene ed averla al fianco, ma fare in modo che questa patologia rara come la sua venga conosciuta da più persone, studiata e che si possa ricevere cura ed assistenza anche
qui in Italia.
Ora il primo obiettivo è portarla velocemente a Dallas, poi fondare un’associazione che si occupi questa malattia: il vostro sostegno è importante, anche pochi spiccioli del caffè possono fare la differenza.
Grazie di cuore a nome mio e della mia famiglia!
IBAN: IT05Y0503450250000000005155
Grazie!”

Matteo ha superato i 120.000€ raccolti, ma c’è ancora della strada da fare.
Donate, condividete nei social media… aiutateci: #salviamoDeborah!
Grazie a tutte voi, care BusinessMum, per tutto ciò che farete!

  • author's avatar

    By: Mirna Pacchetti

    Sono Mirna, una donna dalla doppia vita: di giorno sono consulente di marketing strategico per le start up e il rilancio delle aziende in difficoltà, ma la sera mi trasformo nella mamma di due piccole principesse. I due lavori più belli del mondo!
    In questi anni di “mammitudine” ho imparato a destraggiarmi tra pannolini e call di lavoro, ma soprattutto ho imparato a sopravvivere alle oppressioni di un sistema che penalizza le donne, soprattutto se sono mamme senza un contratto a tempo indeterminato.
    Burocrazia, INPS, Agenzie delle Entrate, IVA e le loro amiche tasse tentano da 6 anni di mettermi i bastoni tra le ruote e farmi desistere dal riuscire nei miei due intenti: essere la miglior mamma possibile e avere un lavoro che mi gratifichi anche dal punto di vista economico.
    Io e Mamma single siamo quelle che non hanno avuto la maternità, non hanno permessi retribuiti e non hanno orari oltre i quali far cadere la penna e tornare dalla propria famiglia. Essere mamma in queste condizioni è un vero salto ad ostacoli, ma sto imparando a saltare bene ed ho indossato le giuste scarpe… questa sfida la vinco io!
    Magari facendo cambiare qualche legge e facendone promulgare qualche altra! 😉

  • author's avatar

    Visit the author’s website

  • author's avatar

    Le 8 verità che nessuno ti dice sul mondo del lavoro
    Inseguire i propri sogni. Intervista a Laura Lamberti
    Viaggi low cost? Si può fare!
    Regali di Natale: dritta per le ritardatarie
    Beta tester cercasi, formazione gratuita in cambio!

    See all this author’s posts