Quando ho deciso di avviare la separazione mio figlio aveva 1 anno e pochi mesi, ma il divorzio è stata un’odissea durata tutti i 10 anni di “Polpetta”, che volente o nolente ne ha risentito, nonostante io e suo padre ce l’abbiamo messa tutta per rendere la situazione “normale”. 

Dai racconti dell’amore passato, allo spiegare che “mamy e babbo si vogliono bene” ma non si amano più; dalla gestione di un quotidiano in realtà difficile, fino alle aspettative create senza volerlo: ogni genitore che decide di separarsi o divorziare affronta questo percorso ed ognuno ha la propria situazione e fa i suoi sbagli.

Oggi scrivo questo articolo non tanto per raccontare il mio punto di vista sulla faccenda, ma per condividere con voi un libro i miei genitori si dividono. e io?che se avessi  letto prima mi avrebbe aiutato ad affrontare una delle scelte più difficili che si possano prendere e sopratutto a gestire al meglio la fase in cui ho spiegato a mio figlio che io e il suo papà ci stavamo lasciando.

I miei si dividono: e io?

Cosa succede ai più piccoli quando i loro genitori decidono di separarsi?
Come accompagnarli attraverso un percorso di cambiamento così delicato? E soprattutto: come si affronta una separazione senza conflitti e nel pieno interesse dei figli?  Ecco alcune delle domande a cui rispondo i due autori del libro “I miei genitori si dividono. E io? che mi ha aiutato a capire  gli errori  che ho fatto, ma anche ciò che ho fatto nel modo corretto (e quindi a sentirmi un po’ meno in colpa).

Qual è il punto? Vedere con gli occhi del bambino.

avvocato-a-milano-cecatiello

 

Armando Cecatiello, avvocato matrimonialista, e Carlo Clerici, psicologo clinico e psicoterapeuta, affrontano il percorso presentato in questo libro partendo dal punto di vista dei più piccoli, che sono anche i soggetti più vulnerabili in una situazione di fragilità del nucleo familiare.

 

Insieme per separarsi: la pratica collaborativa.

I due autori del libro ti illustrano il concetto di separazione e divorzio sostenibile, spiegandoci che non si tratta affatto di un’utopia, ma solo di un percorso consapevole e rispettoso di tutti gli individui coinvolti. Tra le sue pagine viene spiegato come poter vivere serenamente una separazione, attraverso una “ricetta” basata sulle prospettive legali e psicologiche che bisognerà affrontare al passo con i nostri tempi. Informazioni quindi, consigli e suggerimenti concreti: il libro offre tutti gli strumenti necessari a porre fine alla vita di coppia nel modo migliore possibile, con un intero capitolo dedicato al tema della “pratica collaborativa”.

I destinatari del libro

L’obiettivo primario del libro è offrire al lettore, tutto ciò che serve a comprendere e affrontare quel che accade in una prospettiva di normalità, considerando che nella società attuale la separazione e il divorzio sono ormai un evento molto diffuso. Data la natura dei consigli forniti, il libro risulta utile anche a psicologi, assistenti sociali e formatori per affrontare i temi della separazione, del divorzio e della divisione nelle coppie non sposate.

 La narrazione informativa

I temi affrontati nel libro sono presentati attraverso dei casi tipo assolutamente verosimili, perfetti per calarsi idealmente nella situazione proposta e rendere la lettura altamente fruibile. Autorevolezza dei contenuti e accessibilità linguistica si fondono in un perfetto connubio, adattandosi a ogni tipologia di lettore.

Un regalo per le BusinessMum

Per capire se questo libro vi può interessare, abbiamo deciso di regalarvi un ‘estratto del libro che potrete scaricare gratuitamente: raccontateci se vi è stato utile!

  • author's avatar

    By: Marzia Di Meo

    Mi chiamo Marzia e sono una mamma monoparentale e single. Da quattro anni sono libera professionista e nella vita coreografo mio figlio “Polpetta”, un cane di 30 kg e un insana propensione per viaggi e spostamenti.
    Di origine Piemontese, ho vissuto qua e la nel mondo: ultimamente accoccolata nel cuore verde della Romagna.
    Faccio finta di parlare quattro lingue e ho le valigie (reali e virtuali) sempre pronte per nuove avventure in cerca di un bel equilibrio socio-economico, grazie anche alla continua ricerca della felicità!
    Mi piace ridere e da grande, dopo aver fatto per tanti anni la ballerina, vorrei diventare un’attrice comica e una rugbysta ovviamente nello stesso preciso momento! Ho un sacco di passioni strane e sono purtroppo affetta da multitasking ossessivo compulsivo: negata per la cucina, il giardinaggio, il fai da te e nel rendermi presentabile con “trucco e parrucco”, cerco la mia posizione strategica nelle quattro mura di casa.
    Per ora sono riuscita a mettere la carta igienica nel nostro super porta-rotolo e l’evento è stato festeggiato per settimane nella cittadina! In amore aspetto la conoscenza di vita su altre galassie perché è chiaro che non capisco il marziano e probabilmente parlo venusiano troppo veloce.
    Appassionata di internet e web e con una sana curiosità per la vita umana, ho basato il mio lavoro sull’assistenza virtuale e sulla possibilità di lavorare online e dal mio ufficio in casa.

  • author's avatar

    Visit the author’s website

  • author's avatar

    I Diritti dei bambini
    Una mamma negata in cucina
    Alberi di Natale fai da te!
    Mattoncini giganti: PlayEdo ti adoro!
    Chocotone: il gioco al cioccolato!

    See all this author’s posts