Vi segnaliamo un’iniziativa di solidarietà semplice e dolce, come un gelato. Un progetto dell’associazione Salvamamme, che noi apprezziamo e vogliamo condividere… e speriamo lo facciate anche voi!

Il “gelato sospeso” è un progetto easy fai da te che appartiene a tutti, sul quale non occorre farsi troppe domande: è un piccolo dono, un piccolo piacere. Ricamarci sopra serve solo a togliere entusiasmo. II gelato, il gelatino nelle dosi consigliate dai pediatri è un piccolo, sano piacere. Godiamocelo se vogliamo e lasciamo che lo facciano anche i bambini. Godiamoci il piacere della condivisione e del sorriso. Fa bene anche questo.

Associazione Salvamamme

Perché un gelato?

Per donare un sorriso ad un bambino meno fortunato e fare un piccolo, semplice gesto di solidarietà.

Salvamamme non desidera vengano donati prodotti troppo dolci, salati, grassi. Il gelato è consigliato dai pediatri come una merenda ottima e sana. Se un bimbo “non può” assolutamente mangiare un gelato, potrà avere un dolce secco.

Come faccio a sapere quali gelaterie aderiscono?

Semplice! Basta andare sul sito dedicato all’iniziativa e guardare l’elenco delle città e degli esercizi aderenti. 🙂

Cosa deve fare chi vuole aderire all’iniziativa?

Se hai una gelateria o un locale che vende anche gelati e vuoi aderire all’iniziativa, contatta l’associazione e chiedi il permesso di aderire al progetto Gelato Sospeso.

L’Associazione lo darà solo a pochi enti pubblici o privati accreditati. Il rischio è che tra migliaia di benintenzionati ci sia qualche persona o gruppo ad inquinare una piccola dolce idea.                      

Infine Salvamamme consiglia pazienza, sorrisi, gentilezza. Piccoli accorgimenti che dovremmo imparare a seguire ogni giorno della nostra vita.

  • author's avatar

    By: Mirna Pacchetti

    Sono Mirna, una donna dalla doppia vita: di giorno sono consulente di marketing strategico per le start up e il rilancio delle aziende in difficoltà, ma la sera mi trasformo nella mamma di due piccole principesse. I due lavori più belli del mondo!
    In questi anni di “mammitudine” ho imparato a destraggiarmi tra pannolini e call di lavoro, ma soprattutto ho imparato a sopravvivere alle oppressioni di un sistema che penalizza le donne, soprattutto se sono mamme senza un contratto a tempo indeterminato.
    Burocrazia, INPS, Agenzie delle Entrate, IVA e le loro amiche tasse tentano da 6 anni di mettermi i bastoni tra le ruote e farmi desistere dal riuscire nei miei due intenti: essere la miglior mamma possibile e avere un lavoro che mi gratifichi anche dal punto di vista economico.
    Io e Mamma single siamo quelle che non hanno avuto la maternità, non hanno permessi retribuiti e non hanno orari oltre i quali far cadere la penna e tornare dalla propria famiglia. Essere mamma in queste condizioni è un vero salto ad ostacoli, ma sto imparando a saltare bene ed ho indossato le giuste scarpe… questa sfida la vinco io!
    Magari facendo cambiare qualche legge e facendone promulgare qualche altra! 😉

  • author's avatar

    Visit the author’s website

  • author's avatar

    Le 8 verità che nessuno ti dice sul mondo del lavoro
    Inseguire i propri sogni. Intervista a Laura Lamberti
    Viaggi low cost? Si può fare!
    Regali di Natale: dritta per le ritardatarie
    Beta tester cercasi, formazione gratuita in cambio!

    See all this author’s posts